venerdì 28 settembre 2012

S.W.O.T., un'arma per l'home stager!




Lasciando momentaneamente da parte il carattere creativo di questo blog, oggi vorrei parlare degli aspetti di marketing dell’home staging.

Credo che sia molto importante riuscire a considerare la casa come un prodotto da presentare, dimenticandoci (o quasi) tutti gli aspetti creativi e le ispirazioni che le pareti bianche possono suscitarci.

Se fosse per me, tappezzerei gli appartamenti di stampe colorate, dipingerei le pareti con colori accesi e stimolanti, renderei gli ambienti allegri, in linea con la MIA personalità…ma non é così che funziona l’home staging!

Proprio perché si tratta di marketing immobiliare, l’atteggiamento e il modo di porsi nei confronti del prodotto é diverso da quello che dovrebbe avere un arredatore, un architetto o un decoratore.
Quindi, per mettermi nel giusto ordine di idee, io uso uno strumento molto comune nel marketing strategico: l’analisi S.W.O.T. che cito dalla sua definizione wiki: è “usato per valutare i punti di forza (Strengths), debolezza (Weaknesses), le opportunità (Opportunities) e le minacce (Threats) di un progetto […] in cui un'organizzazione o un individuo deve prendere una decisione per raggiungere un obiettivo”.

Bene, se l’obiettivo é rendere la casa appetibile al maggior numero di clienti, vendibile nel minor tempo possibile e qui c’è lo schema che mi sono creata come base di partenza per poter lavorare sul prodotto-casa; lo potete scaricare in formato pdf, (e qui in italiano) per modificarlo o compilarlo.


Entrando più nel vivo nell’argomento cerco di considerare tutti e quattro i fattori per creare una strategia di Home Staging vincente.

FATTORI INTERNI

  • Strengths (i punti di forza), possono essere l’ampia superficie, la ristrutturazione appena avvenuta, i materiali preziosi dei pavimenti o delle pareti; sono aspetti che possono essere valorizzati e messi in mostra affinché il cliente li possa apprezzare!
  • Weaknesses (i punti deboli), possono essere le pareti rovinate, il disordine, alcuni difetti riguardanti l’impianto elettrico o idraulico; sono gli aspetti da migliorare, le cose che sicuramente tolgono all’appartamento la possibilità di essere venduto, insomma, l’oggetto del lavoro!
FATTORI ESTERNI

  • Opportunities (opportunità) sono legate per esempio alla posizione, alle viste che si possono scorgere dalle finestre, alla vicinanza di strutture utili come fermate dell’autobus, scuole, supermercati… su questi aspetti non si può intervenire direttamente, ma sono comunque elementi positivi di cui tenere conto e possono aiutare l’agente immobiliare (che comunque sicuramente se ne sarà già accorto…)
  • Threat (minacce), anch’esse provengono da fattori esterni e sono legati anche alla situazione di mercato, alla crisi generale o alla presenza di concorrenza diretta, per esempio di appartamenti in vendita con le stesse caratteristiche e qui si che si può agire, proprio valorizzando l’immobile e portandolo al di sopra della concorrenza, insomma trasformiamo le minacce in opportunità!

Con il mio S.W.O.T. in mano la situazione mi é molto più chiara, ma lo é anche per i clienti, perché mi aiuta a spiegare le mie intenzioni e perché voglio agire così: insomma, non é lo strumento definitivo per l’home staging, ma un valido aiuto per vedere le cose dal giusto punto di vista! 

E voi che ne pensate? Avete qualche strumento geniale per le vostre analisi?

Nessun commento:

Posta un commento

E tu che ne pensi? mi interessa la tua opinione!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...