giovedì 13 giugno 2013

I 5 sensi dell'Home Staging + 2...

...e naturalmente questo articolo vale anche per il Restyling
Buon giorno! abbiamo detto tante volte che l'Home staging è un'attività di marketing basata sul prodotto, che questo prodotto deve stuzzicare la curiosità e l'interesse del potenziale cliente e che tutto il lavoro svolto ha un solo scopo: provocare l'amore a prima vista! Allora come una bella ragazza che si prepara a sedurre l'uomo dei suoi sogni, anche la casa dev'essere affascinante, provocante e lo fa con tutte le armi a sua disposizione, attaccherà da molti fronti per stimolare i 5 sensi del cliente, ma cosa dico 5, i sensi sono molti di più! Iniziamo dai 5 conosciuti o forse da quello più scontato:

Vista: chiaramente non ripeterò le 6 R dell'home staging (+1!) per rendere la casa visivamente più attraente; ricordo solo l'importanza dell'illuminazione. Cerchiamo di lasciare accese le luci che creano l'atmosfera migliore: non sempre avere tutte le lampade in funzione migliora la situazione: si rischia di abbagliare il cliente, ma evitiamo comunque di creare un ambiente troppo soffuso: non dobbiamo conquistare il suo cuore, ma la sua testa!
Lascio solo qualche immagine, di quelle che farebbero "innamorare" chiunque ... 
via Design to inspire

via design to inspire
via Design to inspire
Udito: eh qui è molto difficile scrivere o aggiungere immagini, mi basta solo dire che chiaramente durante la visita evitare rumori molesti è una delle prime cose da tenere in mente, l'ideale sarebbe riuscire a riempire l'ambiente con note calme e tranquille: personalmente consiglio jazz o blues di sottofondo: sempre elegante, ma non troppo protagonista. L'home stager dovrebbe rassicurarsi che l'inquilino attuale o l'agente immobiliare si occupino di questo dettaglio, l'atmosfera sarà sicuramente migliore!

Olfatto: qui siamo già al livello successivo: guai lasciare che ci siano cattivi odori! Se un oggetto fuori posto può essere anche perdonato, il naso è uno dei giudici più severi e intransigenti: un buon odore è consigliabile (viva gli ambientatori!) ma la cosa più importante è non esagerare! Sembra facile, ma il classico olezzo da chiuso o da cibo per cani rimane impresso nella mente, per non parlare dell'abuso delle fragranze, che può essere anche peggio!

Tatto: avete notato? nonostante i cartelli "non toccare" esposti nei negozi, l'istinto di sentire con le mani gli oggetti che ci circondano e che potremmo volere è più forte di noi! Ecco perché nell'home staging è importante curare pure quest'aspetto: passare una mano su quella bella credenza e trovarsi il dito pieno di polvere fa solo pensare che la casa non è stata ben curata in precedenza, sentire un bel cotone toccando le lenzuola del letto, porta a immaginare che si può dormire benissimo in quella stanza... Nei negozi di mobili se avete notato, le lenzuola sono morbide e belle; ora sapete il perché.
via f-olk
via plan easy home

Gusto... no, tranquilli, non vi dirò che chi visita casa darà una leccatina all'armadio per sentirne il sapore... ma anche il gusto è un senso con un forte impatto psicologico, tanto che in America, dove l'open house è molto praticato, cercano di far trovare un bel dolce fatto in casa e ancora fumante... così prendono due piccioni con una fava: stuzzicano sia gusto che olfatto! (astenersi cuochi disastrosi...).

ed eccomi quindi ai sensi meno comuni...

Termopercezione: eh sì, perché entrare in un forno d'estate o in una ghiacciaia d'inverno influisce moltissimo sulla prima impressione! Se non abbiamo ancora staccato la corrente, facciamo in modo che l'ambiente sia accogliente anche dal punto di vista della temperatura, oltre a sentirsi a proprio agio (tutti, pure l'agente immobiliare), nessuno avrà il bisogno impellente di uscire da lì, per quanto bello e profumato sia l'ambiente!
via stufe caminetti stube
Propriocezione ("la capacità di percepire e riconoscere la posizione del proprio corpo nello spazio" evviva Wikipedia!) sembra strano, ma la disposizione dei mobili e degli oggetti non aiuta solo la sensazione visiva di equilibrio, ma anche quella spaziale: la consapevolezza di potersi muovere agevolmente nello spazio è importantissima e inconsciamente è uno dei fattori chiave per il gradimento di una casa, per questo l'Home stager professionista saprà sicuramente creare dei percorsi semplici, e dalle giuste misure, in modo che il futuro visitatore non si senta oppresso, ma anche perso nello spazio. Quest'ultimo concetto è spesso dimenticato, ma credetemi, è anche il motivo per cui gli appartamenti arredati, anche con mobili di cartone, hanno più possibilità di piacere!

...e voi avete qualche altro senso "nascosto" da suggerire?

Nessun commento:

Posta un commento

E tu che ne pensi? mi interessa la tua opinione!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...