lunedì 9 giugno 2014

Home staging per un affitto su due ruote: l'appartamento flessibile.

Buon giorno! Ho già parlato della differenza fra affitto e vendita nell'home staging, dell'atteggiamento diverso del proprietario, del cliente finale e quindi del tipo di marketing che bisogna applicare al prodotto casa.
Oggi proverò a sviluppare una tecnica che ho sperimentato (funziona!) e di cui ho parlato a lungo con un'agente immobiliare "illuminata" (di quelli che ascoltano!) .
Compact mobile office furniture by Tom Vinke via Home tone : cercherò di non erssere così esagerata!
Si parte dal fatto che chi entra in un appartamento in affitto di solito si trova i mobili già disposti secondo i gusti del proprietario o, se siamo fortunati (^_^), delle tecniche dell'Home stager.
Non è detto che l'uno o l'altro rispecchino le esigenze di chi entra  per vivere almeno i suoi prossimi quattro anni! 
L'idea è allora di rendere gli spazi il più possibile flessibili, dando la possibilità al nuovo inquilino di personalizzare gli spazi come vuole lui! Come?
 Con le ruote naturalmente!
Non possiamo dare ruote a tutti i mobili, ed a tutti i pavimenti: ci vuole sempre un po' di criterio (mi immagino già il letto che si sposta ogni volta che mi giro...effetto Titanic!) o il parquet tutto strisciato...NOOO!
Ogni volta che si applica uno strumento, questo deve apportare conseguenze positive a tutto il contesto, quindi anche per le ruote dobbiamo pensarci un po' su...
  • LETTO: di ruote ne bastano 2, per dare la possibilità di spostarlo facilmente da una sola persona e se ci sono pure i fermi (come nei passeggini!) meglio ancora. Di letti così ne esistono già in giro e sono il salvavita e schiena di molte mamme!
    via Gruppo Euromobil
    via Simone Sellerio, ma qui si esagera un pochino no?
  • TAVOLO1: Anche qui suggerirei solo due ruote, spostare il tavolo è fondamentale, soprattutto se questo è allungabile, se il soggiorno è piccolo e sono necessari diversi tipi di spazio durante la giornata;
    Gae Aulenti lo aveva già capito e ha proposto questa divertente versione: Tour!  (via Fontana Arte)
  • TAVOLO2: se si tratta di una scrivania (all'IKEA vendono zampe con ruote che si possono associare a zampe senza...), le ruote sono un toccasana:  se si vuole avere la flessibilità per concentrarsi (guradando il muro) o di creare relazioni con i clienti, portandolo in mezzo alla stanza;
via Archiproducts  me ne sono innamorata! elegante e pratico!
  • TAVOLINI:  Qui ci possiamo sbizzarrire! Il tavolino per la televisione per esempio, se associato a quello da caffè, tutti con ruote, si possono creare spazi diversi per una serata cinema (tutto rivolto verso il divano e zona pop corn...) o serata videogiochi o disco (liberando lo spazio e creando ampie zone libere per ogni tipo di movimento)
    Sia nel fai da te che nel caso del più alto design, le ruote fanno da padrone! (via Interior Break)
    Sempre Gae Aulenti, non potevo mica ometterlo! Un classico ormai, imitato in tutti i modi! (via Fontana Arte)
  • PING PONG: Non è un caso che lo nomini qui: ho già visto un paio di volte appartamenti condivisi da più lavoratori (ormai ci sono quelli per gli studenti ma anche quelli per chi lavora...) nei quali vengono organizzati "importanti" tornei, spostando prima tutti i mobili... lo trovo geniale e li invidio pure un pochino...
    via Kitchen and residential design
  • PARQUET: questo è il caso in cui le ruote sono proprio sconsigliate... via libera ai feltrini morbidi ed alla staticità!!
Se mettete un appartamento in affitto pensateci bene e fatevi aiutare anche da un Home Personal shopper, che sicuramente scoverà i mobili su ruote più adatti alla situazione... o vi aiuterà a realizzarli!
E voi le usate le ruote? io se potessi le metterei pure alle sedie della cucina!!

P.S. per i più scettici: con solo due ruote, se le zampe sono rigide, il mobile non si sposta da solo! Parola di architetto!

Nessun commento:

Posta un commento

E tu che ne pensi? mi interessa la tua opinione!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...